Il sentiero da Campiglia a Portovenere, La Spezia

Spezzino Vero, Sport La Spezia, Portovenere

Trekking da Campiglia a Portovenere, praticamente in paradiso

12 Jun , 2016  

L’unica cosa che mi manca dell’Italia è scendere verso il mare lungo il sentiero da Campiglia a Portovenere.

Questo è quanto ripete da sempre un amico che da tempo abita all’estero. Una frase che potrebbe sembrare banale e malinconica, ma dice tutto, senza dire precisamente tutto quello che questo sentiero ha da offrire.

Scheda tecnica

Difficoltà : media
Segnavia : 1
Periodo consigliato : tutto l’anno
Durata : 2 ore e 30/3 ore
Consigli : È consigliabile partire da Campiglia, a meno che non si sia buoni camminatori. Partendo da Portovenere, infatti, il primo tratto risulta in ripida salita.

Campiglia: tra il Golfo e il il mare aperto.

Campiglia è un gioiello: da una parte si affaccia sul Golfo dei Poeti, dall’altra guarda al mare aperto, alta sopra le Cinque Terre.

È anche punto di snodo di diversi sentieri che corrono lungo il crinale che separa l’abbraccio del golfo dalle rocce della Riviera. Tra questi, uno dei più spettacolari è sicuramente il tratto del sentiero 1 CAI che scende dal piccolo borgo fino a Portovenere.

Il cammino verso Portovenere parte dall’ultimo tornante prima dell’abitato di Campiglia. Un cartello segnala due strade: una più lunga (3 ore) e meno difficoltosa, l’altra leggermente più breve, ma di difficoltà media. Questa seconda, che per buona parte segue la linea di costa, è quella da seguire se si vuole godere di uno scenario mozzafiato (i segnavia da seguire per fare questo percorso sono 1 – 1a – 1).

Prima parte: mirto, capperi, corbezzoli… e là sotto il mare

Il primo tratto di cammino segue la costa che guarda il mare aperto. Profumi e colori rimandano alla Corsica, alla Sardegna, alla Grecia: è lo sguardo sulle Cinque Terre, sul profilo di Portovenere e dell’Isola Palmaria che appaiono e scompaiono dietro la costa a ricordare che siamo indiscutibilmente in Liguria.

Il percorso è prevalentemente pianeggiante, anche se occorre fare attenzione: in alcuni tratti si è a picco sul mare e si cammina su un fondo sconnesso e costituito prevalentemente da pietre.

Il panorama è suggestivo e – di tanto in tanto – riempie gli occhi con l’infilata di meraviglia che da Portovenere rimbalza alla Palmaria e dunque all’isola del Tino.

Verso Portovenere, dallo spiazzo panoramico lungo il sentiero 1. foto Marcello diFrancesco

Verso Portovenere, dallo spiazzo panoramico lungo il sentiero 1.
foto Marcello diFrancesco

Seconda parte: si scende verso Portovenere. Dopo il Muzzerone, la meraviglia del Golfo

Il Muzzerone, con la palestra di roccia e il rifugio (qui il profilo su Tripadvisor), segna il passaggio tra la prima e la seconda parte del sentiero.

Da Campiglia a Portovenere - I tavolini del rifugio Muzzerone, lungo il sentiero - foto Marta Totaro

Da Campiglia a Portovenere – I tavolini del rifugio Muzzerone, lungo il sentiero
– foto Marta Totaro

Arrivati a questo punto, resta circa un’ora di cammino. Durante la discesa non mancano gli scenari mozzafiato sul golfo, con protagonisti i borghi marinari di Cadimare e delle Grazie.

Qualche decina di minuti attraverso boschi e aree coltivate e poi, all’improvviso, esplode la meraviglia di Portovenere, che diventa protagonista con il suo castello e un panorama ineguagliabile.

La chiesa di San Pietro a Portovenere vista dal cimitero, poco sotto il castello foto Tiziano Canese

La chiesa di San Pietro a Portovenere vista dal cimitero, poco sotto il castello
foto Tiziano Canese

Una ripida scalinata che costeggia le mure del maniero conduce in piazza Bastreri, cuore della perla del Golfo, a un solo passo dal budello del celebre carugio.

Come raggiungere il sentiero

Con i mezzi pubblici. Si può raggiungere il bel borgo di Campiglia con i mezzi pubblici. La linea 20 dell’ATC collega La Spezia a Campiglia (la si può prendere alla fermata in viale Garibaldi), ma purtroppo le corse non sono frequenti (scarica l’orario).

In automobile. La diramazione per l’abitato è segnalata – sulla destra – lungo la strada che da Spezia porta a Portovenere. La macchina può facilmente essere parcheggiata lungo la strada, nei pressi della partenza del sentiero.
Se preferite fare il sentiero in una sola direzione (in discesa!) evitando di dover tornare a recuperare la macchina a Campiglia, una strategia può essere questa: servirsi di due macchine. Una la si lascerà a Marola, nei pressi del ristorante Autedo (sulla strada che da Spezia porta a Portovenere), mentre con l’altra si può raggiungere Campiglia. Una volta terminato il sentiero, con l’autobus che collega Portovenere a Spezia si raggiungerà la vettura in località Marola e dunque si tornera a Campiglia a recuperare l’altra auto.

, ,

By  
Spezzino Vero è la più grossa community online della provincia spezzina. Curiosità, notizie, approfondimenti e umorismo che vivono quotidianamente seguendo, minuto per minuti, la vita del territorio.Spezzino Vero is the largest online community of La Spezia. Trivia, news, stories and humor, the best source to get to know the area at its best.



Lascia un tuo commento

Loading Facebook Comments ...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *